I segreti del Codice Atlantico

Descrizione

Il Codice Atlantico giunse alla Biblioteca Ambrosiana nel 1637 quale dono del conte Galeazzo Arconati, esponente della migliore aristocrazia milanese. Si tratta di una stupefacente raccolta di 1119 fogli autografi di Leonardo da Vinci, per un totale di circa 1750 disegni. Il nome atlantico non indica il contenuto del codice, bensì il formato delle grandi pagine (che servivano normalmente per confezionare gli atlanti) su cui erano stati incollati i fogli di Leonardo per meglio conservarli e tutelarli da possibili dispersioni.

Il Codice Atlantico è la collezione leonardiana più importante e completa al mondo; in esso si mescolano tutte le discipline coltivate dal grande genio di Vinci dagli anni giovanili fino a poco prima della morte: l’architettura e l’idraulica, la medicina e l’ottica, la meccanica e l’urbanistica, la geometria e l’astronomia, l’anatomia e le diverse arti figurative. Notevoli sono i progetti di macchine semoventi, di armi sempre più sofisticate, di ingranaggi e di congegni, dei quali Leonardo ha lasciato stupendi disegni che spesso diventano vere e proprie opere d’arte.

La prima parte della mostra, si apre con i disegni di Leonardo legati in modo specifico alla città di Milano, tra cui spiccano la celebre pianta della città, con la visione del centro di Milano a volo di uccello, lo studio per il naviglio di San Cristoforo, il progetto per il monumento equestre in onore del duca Francesco Sforza e gli studi per il tiburio del Duomo; l’esposizione prosegue con alcuni studi prospettici e progetti di carattere architettonico-militare, oltre ad alcuni fogli che conservano bellissimi disegni di armi belliche (balestre, fionde e mortai), studi per la costruzione di ali meccaniche destinate a rappresentazioni sceniche e il celebre progetto della cosiddetta automobile di Leonardo.

La seconda parte proporrà alcuni progetti per macchine belliche, ma si concentrerà in modo particolare sugli studi d’ingegneria civile: congegni idraulici, macchine per corde, per l’attività tessile, per la produzione di strumenti meccanici, punzonatrici e girarrosti automatici. 

La mostra s’incentra sui disegni architettonici e idraulici di Leonardo eseguiti in Francia tra il 1516 e il 1518, posti tutti tradizionalmente in rapporto con i progetti del Re di Francia Francesco I per una nuova residenza reale da erigersi a Romorantin. Qui il vecchio castello, abitato dalla madre del re, Luisa di Savoia, era già stato oggetto di lavori di riammodernamento e restauro negli anni precedenti, ma la nuova residenza voluta dal re si sviluppa in senso monumentale e urbanistico, e Leonardo, nei suoi disegni, sembra orientarsi al progetto di due palazzi gemelli, uno per il re, l’altro per la regina Claude di Francia, attorniati da canali e padiglioni. Forse i disegni di Leonardo non ebbero seguito ma il castello di Chambord, edificato a partire dal 1519, sembra trasmettere qualcuna delle idee di Leonardo per Romorantin”.

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Biblioteca della Pinacoteca Ambrosiana
Indirizzo
Piazza Pio XI, 2
Comune
Milano
Provincia
MI
Telefono
02 80692248

Orario

Date
18/12/2018 - 16/06/2019
Orario

prima parte della mostra: 18/12/2018-17/03/2019

seconda parte della mostra: 19/03/2019-16/06/2019

martedì-domenica: 10.00-18.00

chiuso il lunedì

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Tariffa evento

intero: € 15,00

ridotto: € 10,00

scuole: € 5,00

Abbonamento Musei
ingresso libero

Mostre simili

Nel 2018, con l’acquisto del guardaroba di Rosanna Schiaffino, il patrimonio di Palazzo Morando | Costume Moda Immag...
Leggi di più...
MUBA ti invita a scoprire dal 24 gennaio 2019 la sua nuova mostra-gioco per bambini dai 2 ai 6 anni.La mostra Natura...
Leggi di più...
Dal 4 dicembre 2018 al 30 novembre 2019 al Museo Teatrale alla Scala di Milano è allestita la mostra dedicata a 240...
Leggi di più...
Buon compleanno Bloom, Stella, Flora, Musa, Tecna e Aisha! Le mitiche fatine create da Iginio Straffi compiono quest...
Leggi di più...