Descrizione

Questo evento desidera abbracciare diversi aspetti della produzione artistica di Pablo Picasso, rispecchiandone così la poliedricità, essendo stato l'unico artista del ‘900 che ha saputo trattare tutte le tecniche ascrivibili al mondo dell’arte. E' stato efinito “genio” proprio perché non si è mai sottratto ad alcuna tecnica, mettendosi sempre in gioco, sperimentando fino alla vecchiaia.

La mostra propone più di 30 opere ceramiche prodotte a Vallauris.

E’ nelle opere in ceramica che Picasso esprime tutta la forza della sua fantasia creatrice in un momento particolarmente felice della sua vita. Terminato l’incubo della Seconda Guerra Mondiale, Picasso si dedica a questo linguaggio espressivo che scopre particolarmente congeniale alla sua vena creativa, tanto da iniziare una sperimentazione che lo accompagnerà per il resto della vita e che si intreccia indissolubilmente con i suoi lavori su tela, le sue sculture e la sua grafica. Talvolta produce forme originali di sua invenzione, ma spesso ama trasformare i piatti, le ciotole e le brocche della ceramica tradizionale utilizzando diversi metodi di scultura, assemblaggio, disegno e pittura. Picasso fino alla morte non smetterà di sperimentare questo mezzo espressivo.

Viene proposta inoltre la suite completa de “Le Celestine” costituita da 66 acqueforti, acquetinte e puntesecche eseguite nel 1968 per illustrare l’opera di Fernando de Rojas, una delle più importanti della letteratura spagnola, che ha segnato la transizione dal Medioevo al Rinascimento. Si tratta di 66 incisioni realizzate con una urgenza espressiva dirompente e ossessiva (dall’11 aprile al 18 agosto 1968) da un Picasso ottantasettenne. Sono il racconto di una vita, la narrazione sagace e ironica del suo immaginario erotico e onirico.

Completano la mostra la riproduzione integrale dei 42 disegni preparatori di Guernica posseduti dal Museo del Prado di Madrid, una serie di fotografie d’epoca ed una significativa collezione di Affiches.

Picasso fu coinvolto direttamente nella produzione di Affiches realizzate per le sue mostre. L’incommensurabile capacità di Picasso di ridurre il messaggio di un’Affiches a simboli significativi ed il suo uso di materiali, modalità espressive e creatività giocosa hanno influenzato notevolmente lo sviluppo della cartellonistica. La realizzazione delle Affiches è ormai universalmente riconosciuta come forma d’arte specifica. Magnifici esempi di tali collezioni si trovano al Louvre di Parigi, alla Tate Galleries di Londra o al MoMA di New York.

In abbonamento

Condividi   

Info

Sede
Castello RIcetto di Desenzano
Indirizzo
Vicolo Fosse Castello
Comune
Desenzano del Garda
Provincia
BS
Telefono
030 3748726

Orario

Date
19/05/2021 - 29/08/2021

Tariffe

Abbonamento Musei
ingresso libero

Mostre simili