GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA – GAMeC

Le informazioni sono in costante aggiornamento, per maggiori dettagli contattare il museo

Descrizione

La Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo è stata inaugurata nel 1991 e la sua realizzazione, su progetto di Vittorio Gregotti, ha visto impegnati il Comune di Bergamo e il Credito Bergamasco.

Dal 2000 le attività culturali della GAMeC sono gestite dall’Associazione per la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo - Onlus, che ha quali Soci Fondatori il Comune di Bergamo e TenarisDalmine e quali Sostenitori la Fondazione UBI Banca Popolare di Bergamo Onlus, Bonaldi Motori S.p.A. e Carvico S.p.A.

La programmazione diversificata l'ha resa negli anni uno spazio poliedrico in grado di coinvolgere pubblici diversi con attività mirate. Con i suoi 1500 metri quadrati di spazi espositivi, è un luogo che accoglie l’arte contemporanea in tutte le sue forme: mostre temporanee personali e collettive di artisti internazionali, progetti inediti di emergenti e un ricco calendario di attività collaterali pensate per diverse tipologie di pubblico sono il punto di forza della politica culturale della Galleria, che si pone come luogo dinamico di confronto, approfondimento e integrazione culturale, in continua evoluzione.

La GAMeC sviluppa, ricevendo donazioni e promuovendo acquisizioni, la propria Collezione, che annovera capolavori di autori moderni, maestri del Novecento e opere d’arte contemporanea: tra le altre, opere di Cory Arcangel, Giacomo Balla, Gabriele Basilico, Umberto Boccioni, Alberto Burri, Maurizio Cattelan, Enzo Cucchi, Giorgio de Chirico, Latifa Echakhch, Jean Fautrier, Lucio Fontana, Hans Hartung, Wassilij Kandinskij, Giacomo Manzù, Albert Marquet, Giorgio Morandi, Pino Pascali, Auguste Rodin, Mario Sironi, Sislej Xhafa.

Il patrimonio della Galleria è infine arricchito dalla Raccolta di medaglie contemporanee donate da Vittorio Lorioli, dal Fondo e dall’Archivio Nino Zucchelli e dalla Raccolta Fotografica Lanfranco Colombo.

Nei prossimi anni, il progetto La Collezione Impermanente – un​a piattaforma di ricerca, espositiva e laboratoriale concepita come parte fondamentale del programma culturale impostato dal Direttore Lorenzo Giusti – metterà in campo un’azione programmatica che costituirà uno strumento di ricerca sul patrimonio custodito, uno spazio di riflessione sul collezionismo e sulle politiche istituzionali di acquisizione e un terreno di sperimentazione curatoriale propedeutico all’apertura della nuova sede della Galleria, prevista per il 2022.

La GAMeC è inoltre promotrice e fondatrice di AMACI – Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani e collabora attivamente con musei e centri d’arte contemporanea nazionali e internazionali.

In abbonamento

Vota il museo

GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA – GAMeC
GALLERIA D’ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA – GAMeC
  • Attualmente 3.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.7/5 (11 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Info

Indirizzo
Via San Tomaso, 53
Comune
Bergamo
Provincia
BG
Telefono
035 270272
Sito web

Orario

Orario

lunedì-mercoledì-giovedì: 16.00-19.00

venerdì-sabato-domenica: 10.00-19.00

chiuso martedì

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Info biglietterie e prenotazioni

Modalità di accesso

L’accesso in museo è consentito a un massimo di 50 visitatori alla volta e non è richiesta prenotazione per visitatori singoli.

Prenotazione obbligatoria per Scuole e Gruppi (max 20 persone).

Musei della stessa provincia

Fotogallery

Musei simili

Arroccato sul colle Cidneo, in un contesto naturalistico che rappresenta uno dei “polmoni verdi” della città, il Cas...
Leggi di più...
La visita di Palazzo Volpi è l’ideale punto di partenza per avviare la conoscenza della realtà artistica della città...
Leggi di più...
Il Museo Poldi Pezzoli è una casa museo situata nel centro di Milano, inaugurata ufficialmente il 25 aprile 1881.Esp...
Leggi di più...
Due distinti percorsi espositivi caratterizzano le sale del settecentesco Palazzo Morando.Al primo piano è attualmen...
Leggi di più...

Nei dintorni

Il Museo Adriano Bernareggi è aperto dal settembre del 2000 nel rinascimentale palazzo Bassi Rathgeb donato dagli er...
Leggi di più...
Il Palazzo del Podestà, splendida dimora medievale, ospita al primo piano, il Museo storico dell’età veneta – Il ‘50...
Leggi di più...
Se vi capita di vedere il fior di loto, il papiro, la drosera carnivora in compagnia della palma del Madagascar, del...
Leggi di più...