GALLERIA DELL’ ACCADEMIA TADINI

Descrizione

La collezione raccolta dal conte Luigi Tadini rispecchia la varietà di interessi di un aristocratico cresciuto nel clima dell’Illuminismo lombardo che raccoglie, nella sua biblioteca opere di letteratura, filosofia, storia e scienze. I suoi interessi sono infatti rivolti alle espressioni più varie dell’arte, della tecnica e della natura: accanto ai dipinti, alle sculture, ai disegni e alle incisioni egli colleziona porcellane, e poi minerali, fossili e animali imbalsamati.

Nel 1827 il Tadini faceva trasferire da Crema tutte le collezioni che sino ad allora erano state esposte nelle dieci sale della sua residenza privata e provvedeva direttamente, “sotto la sua direzione e sorveglianza” durante i suoi due ultimi anni di vita a sistemarle negli ambienti del nuovo palazzo di Lovere, uno tra i primi musei della Lombardia.

Cuore della collezione sono le opere di Antonio Canova, con il quale il conte Tadini ebbe un rapporto privilegiato, cui si aggiunsero nel tempo quelle dello scultore Giovanni Maria Benzoni, che avviò la propria formazione presso l’Accademia Tadini per poi affermarsi come uno dei protagonisti della scultura dell’Ottocento italiano.

I dipinti raccolti nella Galleria – capolavori di Jacopo Bellini, Paris Bordon, Fra Galgario – offrono una interessante documentazione della cultura pittorica italiana dal Trecento al primo Ottocento.

E’ lo stesso conte Tadini a raccontarci come si formò la raccolta di dipinti che forma il vanto dell’Accademia: “Qualche bel quadro avevo nelle mie case di Verona e campagna ma per far molti acquisti in questo genere, fu la soppressione di tanti monasteri e chiese, ed i bisogni di tante antiche famiglie, per cui si sono venduti dei capi d’opera a pochissimo prezzo nelle pubbliche aste”.

Le preferenze per la pittura antica si orientano verso il rinascimento veneziano e veneto, con opere di Jacopo Bellini, Francesco Benaglio, Gerolamo da Treviso, Paris Bordon. 

Significativa la presenza di opere seicentesche e settecentesche, collezionate quando il gusto corrente era rivolto al classicismo nelle sue varie espressioni piuttosto che al Barocco: approdano così in Galleria le opere di Carlo Francesco Nuvolone, Pietro Ricchi, Bernardino Fusari, Carlo Maratta, fra’ Galgario.

Purtroppo, a differenza di altri suoi contemporanei come il bresciano Paolo Tosio, il conte Tadini non si interessò alla pittura contemporanea: quasi tutte le opere ottocentesche giunsero in Galleria dopo la sua morte.

In abbonamento

Vota il museo

GALLERIA DELL’ ACCADEMIA TADINI
GALLERIA DELL’ ACCADEMIA TADINI
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Condividi   

Info

Stato
Aperto
Indirizzo
Via Tadini, 40
Comune
Lovere
Provincia
BG
Telefono
035 962780

Orario

Orario

Da maggio a settembre:

martedì-sabato: 15.00-19.00

domenica e festivi: 10.00-12.00; 15.00-19.00

Aprile e ottobre:

sabato: 15.00-19.00

domenica e festivi: 10.00-12.00; 15.00-19.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Ingresso intero

€ 7,00

Ingresso ridotto

€ 5,00, (11-18 e over 65 anni)

Ingresso gratuito

bambini fino a 10 anni, membri dell’Associazione Amici del Tadini, soci ICOM

Accessibilità
Disponibilità disabili
Si
Tariffa disabili

€ 5,00

Disabili mezzi pubblici

dallo Stadio autobus 6, 7 e 9; da Colle Aperto autobus 1, fermata Vittorio Emanuele

Servizi
Bookshop
Si
Disponibilità audioguide
Si
Audioguide a pagamento
Si
Visite
Disponibilità visite di gruppo
Si
Prenotazione visite di gruppo
Si
Telefono per visite di gruppo

+39 349 4118779

Eventi

Musei simili

Nato nel 1885, dal 1951 il museo ha sede nel settecentesco palazzo Moriggia, progettato nel 1775 da Giuseppe Piermar...
Leggi di più...
Il Museo Bagatti Valsecchi è una casa museo frutto di una straordinaria vicenda collezionista di fine Ottocento, che...
Leggi di più...
I Musei Civici di Monza comprendono le raccolte della Pinacoteca Civica e del Museo Storico dell’Arengario. La loro...
Leggi di più...

Nei dintorni

Il Museo, ospitato in quella che fu la Sala del Consiglio della Misericordia Maggiore di Bergamo, venne aperto al pu...
Leggi di più...
All'illuminato spirito del conte Giacomo Carrara, mecenate, collezionista e profondo conoscitore del mondo delle let...
Leggi di più...
Se vi capita di vedere il fior di loto, il papiro, la drosera carnivora in compagnia della palma del Madagascar, del...
Leggi di più...