ORTO BOTANICO "LORENZO ROTA"

Descrizione

Se vi capita di vedere il fior di loto, il papiro, la drosera carnivora in compagnia della palma del Madagascar, della sanguisorba orobica, della canna da zucchero, dei cactus a candelabro, probabilmente siete nell'Orto botanico di Bergamo. Che non è la Torre di Babele dei vegetali, ma piuttosto un piccolo feudo del Regno delle Piante dove sono raccolti i rappresentanti delle principali categorie di comodo utilizzate dai botanici per suddividere le oltre 250.000 specie del nostro pianeta.

Nell'Orto botanico di Bergamo è forte l'impronta dell'uomo: è con artificio, studio e cure costanti che è infatti possibile la difficile convivenza tra gli oltre 1200 taxa all'interno di una superficie di soli 2.400 metri quadrati.

L'Orto botanico di Bergamo, per il suo carattere dimostrativo e suggestivo, contribuisce ad avvicinare il pubblico al mondo delle piante e a destare rispetto per la natura. Svolge attività di conservazione delle piante minacciate e porta avanti progetti di reintroduzione in natura di specie a rischio.

Tra questi ultimi ha avuto un buon successo quello relativo alla reintroduzione di Osmunda regalis, una felce che il medico e botanico Lorenzo Rota, primo descrittore della flora della Bergamasca, aveva segnalato nel 1853 in Val Calepio e lungo il fiume Adda: la felce, che negli ultimi decenni risultava scomparsa, è stata reintrodotta negli stessi luoghi una dozzina di anni fa.

L'Orto botanico di Bergamo scambia inoltre con altri Orti botanici semi, frutti e spore raccolti dentro i suoi spazi o in natura.

L'Orto Botanico di Bergamo è un nodo della Rete degli Orti Botanici della Lombardia e aderisce al BGCI (Botanic Garden Conservation International).

In abbonamento

Vota il museo

ORTO BOTANICO "LORENZO ROTA"
ORTO BOTANICO "LORENZO ROTA"
  • Attualmente 3.5 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 3.7/5 (3 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Condividi   

Info

Stato
Aperto
Indirizzo
Scaletta di Colle Aperto
Comune
Bergamo
Provincia
BG
Telefono
035 286060

Orario

Orario

Marzo e ottobre:

tutti i giorni: 09.00-12.00; 14.00-17.00

Da aprile a settembre:

lunedì-venerdì: 09.00-12.00; 14.00-18.00

sabato, domenica e festivi: 09.00-19.00

* Per aperture e chiusure straordinarie e durante le festività contattare il museo.

Tariffe

Accessibilità
Disponibilità disabili
In parte
Parcheggio disabili

si

Percorso museale disabili

le persone con disabilità motorie possono visitare senza difficoltà il vivaio e la Sala Viscontea, mentre è problematico l'accesso agli spazi espositivi a causa della scalinata di accesso

Servizi igenici disabili

no

Servizi
Bookshop
Disponibilità audioguide
No
Audioguide a pagamento
No
Visite
Disponibilità visite di gruppo
Si
Prenotazione visite di gruppo
Si
Eventi

Musei simili

Il Museo Tazio Nuvolari è dedicato alla memoria dell'indimenticabile campione che Ferdinand Porsche definì «il più g...
Leggi di più...
Mondo Milan è un'esperienza espositiva che presenta in forma spettacolare la storia e i trofei dell'AC Milan. Rari c...
Leggi di più...

Nei dintorni

La GAMeC – Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo è uno dei centri di eccellenza dell'arte dell'Italia s...
Leggi di più...
Il Museo Adriano Bernareggi è aperto dal settembre del 2000 nel rinascimentale palazzo Bassi Rathgeb donato dagli er...
Leggi di più...
La collezione raccolta dal conte Luigi Tadini rispecchia la varietà di interessi di un aristocratico cresciuto nel c...
Leggi di più...